VOTA ONLINE IL NOSTRO PROGETTO SOCIALE DI R.O.A.D.

“NONNI IN COMUNE… “BITONTO AGE FRIENDLY CITY”
…un programma di interventi per l inclusione a favore di anziani fragili della nostra comunità, grazie al supporto di giovani con disabilità…

La votazione ONLINE é aperta GRATUITAMENTE da mercoledì 3 APRILE a tutti i cittadini maggiorenni, residenti o domiciliati sul territorio italiano in possesso di una connessione a internet e un indirizzo email valido.

Gli utenti registrati online hanno a disposizione 10 voti totali da assegnare al PROGETTO “NONNI IN COMUNE…”

QUI LA REGISTRAZIONE PER POTER VOTARE…
https://community-fund-italia.aviva.com/voting/utente/registro

LEGGI QUI L’ABSTRACT PROGETTO…

La popolazione anziana autosufficiente, purtroppo è troppo spesso considerata solo portatrice di “bisogni passivi” e non trova contesti urbani e/o sociali accoglienti, accessibili ed inclusivi, ritrovandosi esclusa dal contesto comunitario attivo di cui invece è preziosa parte integrante.
Gli anziani autosufficienti, particolarmente se fragili, subiscono oggi, nella nuova “società fluida”, l’identica esclusione sociale atavica sofferta dalle persone con disabilità, ritrovandosi estromessi seppur con potenzialità e competenze esemplari. 
Considerare viceversa gli anziani “capitale attivo”, per partecipazione operosa, socializzazione e protagonismo, rafforza la solidarietà, le relazioni proattive e contrasta l’esclusione dal tessuto familiare e sociale.
In linee con il documento O.M.S. “Global Age-friendly Cities -2007” il contesto urbano e sociale deve consentire all’anziano autosufficiente di conservare il benessere, la capacità di concorrere alla creazione di ricchezza individuale e collettiva(whqlibdoc.who.int).
OBIETTIVO GENERALE: inclusione di anziani attraverso il supporto proattivo di giovani persone con disabilità (facilitatori) e di volontari ROAD (agenti di cambiamento). 
OBIETTIVI SPECIFICI: 
– Aiutare i beneficiari nella gestione delle attività quotidiane
– favorire l’inclusione sociale e partecipazione alla vita di comunità
– Migliorare l’autostima e la qualità di vita
LINEE DI AZIONE: 
1.DAILY CARE giovani disabili(facilitatori) aiutano in commissioni esterne (spesa, posta, medico, farmacia)
2.LABORATORI SOCIALI INTEGRATI:
•DI VICINATO – Incontri con vicini di casa coetanei, amici. 
•DEI MESTIERI – laboratori creativi, di cucina e dei mestieri
•PETCARE – conoscenza e cura di animali domestici 
•DEI RICORDI -condividere il mondo dei ricordi e le storie dei nonni
3. NONNI SOCIAL -inclusione attiva ad eventi pubblici e social (con tecnologie mobile), conoscenza delle realtà associative locali, uscite con volontari e ragazzi disabili

OTA ONLINE IL NOSTRO PROGETTO SOCIALE DI R.O.A.D.

“NONNI IN COMUNE…
“BITONTO AGE FRIENDLY CITY”
…un programma di interventi per l inclusione a favore di anziani fragili della nostra comunità, grazie al supporto di giovani con disabilità…

La votazione ONLINE é aperta GRATUITAMENTE
da mercoledì 3 APRILE a tutti i cittadini maggiorenni, residenti o domiciliati sul territorio italiano in possesso di una connessione a internet e un indirizzo email valido.

Gli utenti registrati online hanno a disposizione
10 voti totali da assegnare al PROGETTO
“NONNI IN COMUNE…”

QUI LA REGISTRAZIONE PER POTER VOTARE…
https://community-fund-italia.aviva.com/voting/utente/registro

La popolazione anziana autosufficiente, purtroppo è troppo spesso considerata solo portatrice di “bisogni passivi” e non trova contesti urbani e/o sociali accoglienti, accessibili ed inclusivi, ritrovandosi esclusa dal contesto comunitario attivo di cui invece è preziosa parte integrante.
Gli anziani autosufficienti, particolarmente se fragili, subiscono oggi, nella nuova “società fluida”, l’identica esclusione sociale atavica sofferta dalle persone con disabilità, ritrovandosi estromessi seppur con potenzialità e competenze esemplari. 
Considerare viceversa gli anziani “capitale attivo”, per partecipazione operosa, socializzazione e protagonismo, rafforza la solidarietà, le relazioni proattive e contrasta l’esclusione dal tessuto familiare e sociale.
In linee con il documento O.M.S. “Global Age-friendly Cities -2007” il contesto urbano e sociale deve consentire all’anziano autosufficiente di conservare il benessere, la capacità di concorrere alla creazione di ricchezza individuale e collettiva(whqlibdoc.who.int).
OBIETTIVO GENERALE: inclusione di anziani attraverso il supporto proattivo di giovani persone con disabilità (facilitatori) e di volontari ROAD (agenti di cambiamento). 
OBIETTIVI SPECIFICI: 
– Aiutare i beneficiari nella gestione delle attività quotidiane
– favorire l’inclusione sociale e partecipazione alla vita di comunità
– Migliorare l’autostima e la qualità di vita
LINEE DI AZIONE: 
1.DAILY CARE giovani disabili(facilitatori) aiutano in commissioni esterne (spesa, posta, medico, farmacia)
2.LABORATORI SOCIALI INTEGRATI:
•DI VICINATO – Incontri con vicini di casa coetanei, amici. 
•DEI MESTIERI – laboratori creativi, di cucina e dei mestieri
•PETCARE – conoscenza e cura di animali domestici 
•DEI RICORDI -condividere il mondo dei ricordi e le storie dei nonni
3. NONNI SOCIAL -inclusione attiva ad eventi pubblici e social (con tecnologie mobile), conoscenza delle realtà associative locali, uscite con volontari e ragazzi disabili

La popolazione anziana autosufficiente, purtroppo è troppo spesso considerata solo portatrice di “bisogni passivi” e non trova contesti urbani e/o sociali accoglienti, accessibili ed inclusivi, ritrovandosi esclusa dal contesto comunitario attivo di cui invece è preziosa parte integrante.
Gli anziani autosufficienti, particolarmente se fragili, subiscono oggi, nella nuova “società fluida”, l’identica esclusione sociale atavica sofferta dalle persone con disabilità, ritrovandosi estromessi seppur con potenzialità e competenze esemplari. 
Considerare viceversa gli anziani “capitale attivo”, per partecipazione operosa, socializzazione e protagonismo, rafforza la solidarietà, le relazioni proattive e contrasta l’esclusione dal tessuto familiare e sociale.
In linee con il documento O.M.S. “Global Age-friendly Cities -2007” il contesto urbano e sociale deve consentire all’anziano autosufficiente di conservare il benessere, la capacità di concorrere alla creazione di ricchezza individuale e collettiva(whqlibdoc.who.int).
OBIETTIVO GENERALE: inclusione di anziani attraverso il supporto proattivo di giovani persone con disabilità (facilitatori) e di volontari ROAD (agenti di cambiamento). 
OBIETTIVI SPECIFICI: 
– Aiutare i beneficiari nella gestione delle attività quotidiane
– favorire l’inclusione sociale e partecipazione alla vita di comunità
– Migliorare l’autostima e la qualità di vita
LINEE DI AZIONE: 
1.DAILY CARE giovani disabili(facilitatori) aiutano in commissioni esterne (spesa, posta, medico, farmacia)
2.LABORATORI SOCIALI INTEGRATI:
•DI VICINATO – Incontri con vicini di casa coetanei, amici. 
•DEI MESTIERI – laboratori creativi, di cucina e dei mestieri
•PETCARE – conoscenza e cura di animali domestici 
•DEI RICORDI -condividere il mondo dei ricordi e le storie dei nonni
3. NONNI SOCIAL -inclusione attiva ad eventi pubblici e social (con tecnologie mobile), conoscenza delle realtà associative locali, uscite con volontari e ragazzi disabili